The China Study: il salvavita

venerdì 9 novembre 2012

Seno sano

Ciao e bentornati. Vorrei proseguire questo ciclo sulla salute relativamente al cancro o tumore parlando di tumore al seno. Migliaia di donne all'anno scoprono questa patologia e ne restano travolte perdendo una delle parti più importanti della loro identità femminile.
Tempo fa mi sono imbattuto in un articolo di disinformazione.it, che vi invito a leggere, il quale mi ha fatto riflettere profondamente. Ancora una volta un'invenzione umana ci si era rivolta contro in quanto in disarmonia con l'organismo umano. Destino beffardo!

Il reggiseno.
Parliamo di reggiseno, e dei suoi effetti deleteri sul corpo della donna. E' importante però capire la logica di questo meccanismo e la coerenza con quanto detto fino ad ora negli articoli precedenti.
Tutto nasce da Syd Singer (Sydney Ross Singer) che aiuta la moglie Soma trovando la soluzione ad un nodulo al seno. Beh non so se tutti sono in grado di applicarla, però ve la dico lo stesso: TOGLIERE IL REGGISENO!
"Ecco il solito maniaco !!! " avete pensato voi donne, e "Grande, sei un mito !!!" stanno pensando gli uomini.
"Far from it" direbbe Morpheus, il reggiseno, come si spiega nell'articolo sopra citato, è di una semplicità sconcertante. Vi riporto i principi...


Sistema linfatico umano.
La linfa della vita.
Come ben sanno tutti, il seno delle donne (ma anche per gli uomini) è circondato da una fitta rete di vasi linfatici e linfonodi. Questa rete è necessaria a drenare una zona di importanza vitale, in quanto è preposta alla produzione di latte materno per il nutrimento della prole. Senza tale meccanismo di drenaggio, il latte sarebbe di fatto sporco perché come ben sappiamo le parti grasse del corpo vengono usate dall'organismo per stoccare i veleni esogeni o endogeni.
Un'altra cosa da sapere è che il sistema linfatico è diverso da quello cardiocircolatorio perché è assente un organo facente le funzioni di "pompa". Tutto è delegato alla contrazione muscolare ed ai condotti che hanno valvole a coda di rondine per evitare il ritorno del flusso. I vasi linfatici sono quindi condotti molto delicati e "senza pressione", quindi la domanda da farsi è: cosa succede se un elastico o una costrizione forte spinge sul vaso linfatico? La risposta è semplice: il vaso si ostruisce e non fa scorrere la linfa.
Il reggiseno fa esattamente questo, stringe i vasi linfatici impedendo al sistema di drenaggio dei rifiuti metabolici di scorrere verso le vie di uscita. Quindi si vengono a creare dei ristagni e dei depositi mai eliminati. Il tempo poi è il fattore chiave.


Schema di un vaso linfatico.
Limitati nel tempo.
Come scimmie riconosciamo effetti relativi a cause solo con un orizzonte temporale limitato. Ad esempio se oggi ho mal di pancia, penso all'ultimo pasto che ho fatto, ma trascuro quello che ho ingerito 36 ore fa... che invece potrebbe essere proprio la causa del malessere.
Lo stesso accade con comportamenti ormai assodati e socialmente accettati: hai un abitudine deleteria che però apparentemente sembra innocua. Poi succede il disastro e ti chiedi cosa hai fatto di male "ultimamente", mentre invece sono stati gli ultimi 30 anni di errori ad averti portato in questa situazione. Limiti della mente umana.
Ma torniamo al reggiseno, che ostruendo per 30 anni circa il drenaggio della zona mammaria ne fa una vera e propria discarica. Inoltre l'apporto di ossigeno e nutrienti è ridotto per lo stesso motivo, venendo a definire tutte i presupposti di acidificazione e intossicazione locale. Vi ricorda nulla?

La mia esperienza.
Quanto descritto lo trovate anche nell'articolo sopra citato, ma il vero valore aggiunto è la mia esperienza e testimonianza. Vorrei solo sottolineare che anche se non ci sono articoli di ricercatori rinomati sull'argomento, il ragionamento è decisamente logico e coerente. Basta osservare e farsi le domande giuste (come dico sempre).
Una persona che conosco da vicino fa il classico controllo al seno (mammografia e palpazione) riscontrando un seno granuloso. "Tutto nella norma" dice il medico "le donne mediterranee hanno questo tipo di tessuto". Beata sicurezza! Consiglio vivamente alla persona di allentare i reggiseni che porta, di eliminare quelli col ferretto e simili e quando è in casa propria di restare sempre sempre  senza reggiseno. Dopo aver tolto il reggiseno le suggerisco di effettuare un leggero massaggio al seno per aiutare il drenaggio linfatico.
Passano i mesi, e la persona esegue quasi alla perfezione i miei consigli, che poi sono i suggerimenti di Singer.
Torna l'anno dopo a fare la visita, ed il medico "lei ha un seno perfetto, senza granuli"... Anche al tatto la persona conferma che il seno risulta essere più sodo, turgido, elastico e "regolare" senza granuli percepibili.
Interessante, ma lo stato di granulosità non era caratteristica "genetica" delle donne mediterranee?
Puah ah ah ah, vorrei scrivere "beata ignoranza!", ma invece scrivo "Assassini!"

Granuli.
Comunque il fatto sta che è bastato modificare di pochissimo un'abitudine errata per PREVENIRE veramente situazioni ben più gravi di una granulosità.
A proposito i granuli a cosa potrebbero essere dovuti? io personalmente penso allo stoccaggio di tossiemia nelle cellule grasse che iniziano a ingrossarsi. Drenando con il sistema linfatico, queste si sono svuotate e tornate in uno stato regolare, ma purtroppo non ho prove. L'importante che ad una azione e seguita una reazione positiva per l'organismo che riconoscerebbe come positiva chiunque.

E per il tumore al seno?
La cosa potrebbe funzionare anche con chi ha già riscontrato la presenza di cancro al seno? Io penso di si, fermo restando che li c'è una situazione che ha già superato la linea di guardia, quindi mi sento di dire: via il reggiseno sempre, cambio drastico verso un'alimentazione alcalinizzante, attività sportiva drenante (soprattutto della parte superiore), drenaggi forti del sistema linfatico, ecc. Non ci sono ne prove ne garanzie, ma di sicuro facciamo un gran bene all'organismo che sta combattendo un dura battaglia senza remargli contro ulteriormente.

Conclusioni.
Prima di concludere vi faccio una domanda interessante a uomini e donne: ma gli slip che stringono proprio nelle zone inguinali dove sono presenti moltissimi linfonodi e vasi linfatici che effetto hanno sugli organi riproduttori? ... mmm
E adesso chiudo dicendo: il reggiseno è stato inventato per vezzo, e come i bustini ottocenteschi facevano venire mortali polmoniti a donne ignare, oggi il reggiseno porta a situazioni di altrettanta pericolosità. Quindi VIA IL REGGISENO in casa e fuori usateli solo se indispensabili e il più laschi possibili, meglio ancora se a fasce estese, riducendo così la pressione sulla pelle.

Bene ho finito, ma la prossima volta vorrei chiudere questo ciclo con Hammer e la sua teoria allo sviluppo del cancro. Interessante, ma ...

A presto cari Amici lettori.
il vostro Discepolo Nutrizionauta vi augura lunga vita e prosperità.

5 commenti:

  1. Ciao!! articolo interessantissimo!! Io sono una di quelle che odia il reggiseno, mi infastidisce proprio, idem gli slip. Perciò quando sono a casa non uso mai entrambi. Lavorando ahimè devo portarlo, perchè non ho la fortuna di avere una seconda e quindi pesa e diventa dolente ;( Aspetto con ansia il post su Hammer ora, io lo adoro e amo il suo "testamento per una nuova medicina". Ultimamente perà sono andata oltre sinceramente, trovo troppo trascurato il lato nutrizione, non credo che i nostri mali derivino tutti da sti benedetti conflitti, e spesso non trovo riscontri soddifacenti. Perciò aspetto il tuo post, non farci atendere troppo! :D Un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. Grazie RomyVeg, sei come sempre molto gentile. Brava, è buona cosa ANDARE OLTRE. Nessuno ha la verità, nemmeno Hammer. Di solito lo scopritore di una "regola" o l'inventore di un "metodo" resta innamorato della sua creatura conferendogli per orgoglio "poteri extra-oridari". Hammer è un genio di sicuro, un Ricercatore con la R maiuscola, ma il suo è solo un pezzo del puzzle. Mi anticipi il post con questo commento, ma mi fa piacere avere questi feedback di persone risvegliate, che "non aspettano il piatto pronto, ma si cucinano il proprio pasto". A presto, e ricambio l'abbraccio con affetto.

    RispondiElimina
  3. http://affaritaliani.libero.it/cronache/il-reggisono-pu-provocare030413.html

    Finalmente? :)

    RispondiElimina
  4. questo spiega anche come mai allattare aiuti a prevenire il cancro! Una donna che allatta sta spesso col seno nudo, sopratutto per evitare ragadi e infiammazioni, per di più il lattante manipola spesso il seno, massaggiandolo, tirandolo, e poi dato che il seno è più sensibile, si tende a non sopportare bene il reggiseno!
    Sicuramente ci sono altri motivi, dato che la salute e la malattia non dipendono quasi mai da un unico fattore, ma direi che saperne uno fa già una grande differenza!

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Ti prego di non essere offensivo e di usare un linguaggio moderato. Non è consentito pubblicizzare prodotti o ditte specifiche. Se il tuo commento non rispetterà tali richieste, perdonami ma sarò costretto ad eliminarlo. Grazie.