The China Study: il salvavita

mercoledì 25 agosto 2010

Latte... alle ginocchia

Ciao a tutti e bentornati dalle troppo brevi vacanze estive.

Parliamo di latte? è uno degli argomenti della nostra lista di riferimento del post False credenze.

Il latte (e derivati), e non mi riferisco solo a quello vaccino, a detta di dietologi, di televisione (spot), riviste, esperti, medici, ecc. è un alimento fondamentale per la dieta di un essere umano.

Già ma cos'è un'essere umano? è un mammifero, e come tale appena nasce inizia a bere latte materno dalla tetta della mamma. Fate un attimo mente locale. Quanti mammiferi in età adulta bevono latte? Ve lo dico io. Nessuno! Ma allora un toro, un elefante, la giraffa, ed il gorilla di montagna come fanno a "farsi le ossa"? E non sono nemmeno ossicini piccoli!!!

L'uomo fa una cosa altamente innaturale, ma vediamo perché il bere latte da adulti fa male.

Non mi dilungo sulla qualità del latte, in quanto è troppo evidente. Pensate a mucche stipate, ammalate e tenute in vita con antibiotici, ormoni di sintesi, stressate, nutrite con cibi ricchi di additivi chimici non idonei ed a volte anche ammalate di mastite. Nel latte che bevete ci sarà tutto questo, ed anche di più... anche se pastorizzato.

Ma veniamo al nocciolo. Il latte contiene sì il calcio, ma è in forma colloidale, non assorbibile dall'organismo umano, che invece predilige la forma ionica. Quindi di questo calcio ne assorbiamo una percentuale molto molto bassa rispetto a quella ingerita.

Inoltre... Il latte è molto ricco di proteine e grassi animali. L'assunzione di questo tipo di cibo tende a spostare l'acidità del nostro organismo da un Ph di circa 7.4 (alcalino), ad uno acido. Ma l'organismo non può permettersi questo, altrimenti... si muore! Quindi attinge a tutte le sue risorse per mantenere l'equilibrio alcalino soprattutto utilizzando minerali ionici. Ed indovinate da dove pesca i minerali? Esatto, dalle ossa! Estraendo fosfato di calcio che ridisciolto aiuta l'alcalosi.
Ovviamente questo meccanismo non è l'unico e la descrizione dei processi è molto più complessa di quella riportata. Infatti anche l'apporto di vitamina D è fondamentale nei processi del calcio, ed in questo la luce solare la fa da padrone perché ne stimola l'assorbimento. Quindi meglio passare qualche ora al sole e all'aria aperta che farsi un bicchiere di latte!

Riassumendo: bevo latte per avere il calcio per le mie ossa (e non solo), ma ne assorbo poco, ed inoltre ne sottraggo di più dalle ossa di quanto ne assorbo.

Mi viene da dire: " Non male! "
Bere latte non previene l'osteoporosi, la causa!

Il latte di mucca serve a far crescere vitelli, quello di capra i capretti, quello di asina gli asinelli, e quello della donna i "cuccioli di uomo". Vedete anche voi la distorsione? Sarebbe già strano vedere un uomo o donna adulti attaccati alla tetta della mamma. Provate ad immaginarveli attaccati alla tetta di una mucca... anzi, guardate voi stessi.


Lo so che non siete del tutto convinti. Vi invito a fare ricerche a riguardo, sicuro che troverete conferme di quanto affermo. Di seguito vi indico alcuni riferimenti web utili per approfondire obiettivamente la questione:

    Le informazioni riportate nei siti indicati, vanno integrate in un'unica sintesi che vi rende la completezza della situazione reale.

    Spesso in questi siti si palesa l'ignoranza di chi consiglia il latte come fonte di calcio per la salute dell'organismo e delle ossa. Ci sono due considerazioni da fare: l'ignoranza magari non è volontaria, nel senso che medici e dietologi studiano in università gestite da "baroni" foraggiati e foraggiate dalle cosiddette lobby del cibo e del farmaco. La mal informazione mediatica poi è completamente nelle mani di politica (foraggiata) e di inserzionisti, che guarda caso sono sempre gli stessi.

    Ma avete idea di quanto valga il mercato del latte a livello mondiale? Facendo qualche ricerca, alcuni articoli americani attestano il mercato mondiale 2007 del latte attorno ai USD 2.117,5 MLD (1.482.250.000.000,00 Euro/Anno). Pensate cosa dovesse succedere se una nuova politica della salute pubblica dicesse che non si deve più assumere latte e derivati... il finimondo! Meglio vendere pilloline ed integratori di calcio così alimentiamo le farmaceutiche e sono tutti contenti... tranne chi sta male.

    Ad oggi le intolleranze al latte che stanno venendo fuori sono comunque in aumento ed il nuovo pensiero che si sta concretizzando è semplice: ma non è che il latte vaccino all'uomo non fa bene, e SOLO alcuni individui riescono a tollerarlo? Cioè l'esatto contrario di quello che ci vogliono far credere. Quelli strani sono i "tolleranti" non gli intolleranti. Da adulti siamo tutti intolleranti al latte (materno e non) per costituzione genetica!

    Però ai bambini il latte vaccino fa bene, vero?! NO.

    Il latte vaccino fa crescere vitelli, non bambini. E' troppo grasso e proteico. Alla peggio è meglio sostituire con i succhi di frutta freschissimi, centrifugati di verdure, ecc. "[...] Il latte vaccino, dovendo servire ai vitelli, che hanno una velocità d’accrescimento fisico notevolmente superiore a quell’umana (raddoppiano il proprio peso dopo appena 47 giorni dalla nascita, mentre il neonato umano lo raddoppia in 180 giorni), contiene dal 3,5% al 5% di proteine, contro l’1,2% del latte umano. Tale notevole quantità di proteine nel latte  di mucca costituisce, quindi, un’autentica overdose proteica per un essere umano. Si è così accertato che quando le proteine superano il normale fabbisogno del mammifero che assume un determinato latte, l’eccesso determina un sovraccarico per il fegato e le reni, che hanno il compito di eliminare i prodotti del metabolismo proteico. Il latte  umano, al contrario di quello vaccino, garantisce al neonato la massima prevenzione dalle allergie e dalle infezioni.[...]" ( www.vegetarian.it )


    Latte  Umano  Mucca  Capra 




    Lattosio  7% 4,40% 4,80%




    Grassi  4% 4,50% 3,70%




    Proteine  1,50% 4,30% 3,50%




    Sali  0,20% 0,80% 0,45%
    (www.disinformazione.it)


    Infine vi voglio dire che il migliore calcio assimilabile è sempre di provenienza organica, quindi da piante e non dal gesso o pillole sintetiche! Fonti molto utili sono ovviamente i semini oleosi, le piante verdi e le alghe che sono veramente ricche di calcio assimilabilissimo.
    Alcuni integratori a base di calcio corallo possono aiutare. Ma vi faccio una domanda:

    Ma come fa il toro o il bufalo con le "ossicine" che ha a costituirle e mantenerle mangiando solo erba? e tenete presente che anche i muscoli ed il sistema nervoso usano il calcio per eseguire le loro funzioni... quindi?

    Abbiamo veramante bisogno di integrare il calcio? 
    Si, se continuiamo ad acidificare il corpo con proteine e grassi animali. 
    No, se la nostra dieta è pro-alcalosi.
    Ma questa è un'altra storia.

    2 commenti:

    1. una sintesi davvero utile e chiara...grazie!

      RispondiElimina
    2. Ciao e complimenti per gli argomenti molto informativi che ci presenti.

      A presto,

      Peaceful Rawrior di crudismofacile.blogspot.com

      RispondiElimina

    Ti prego di non essere offensivo e di usare un linguaggio moderato. Non è consentito pubblicizzare prodotti o ditte specifiche. Se il tuo commento non rispetterà tali richieste, perdonami ma sarò costretto ad eliminarlo. Grazie.